Juve, Chiesa ok. Napoli, recupera Manolas. Genoa, Scamacca non convocato
Milan: Calha out, Theo dal 1'. Napoli, gioca Petagna. Spezia senza Nzola, Ribery a disposizione di Prandelli. Parma, torna Kucka
di Gasport | 16 gennaio 21, 20:06

Dopo la parentesi dedicata alla Coppa Italia, è torna in campo la serie A per la diciottesima giornata, penultima del girone di andata. Si gioca su 4 giorni: ha aperto il derby di Roma, chiude il Milan a Cagliari lunedì sera. Domenica sera la supersfida di San Siro tra Inter e Juventus. Le ultime dai campi:

BOLOGNA-VERONA (sabato, ore 15) - Bologna: in gruppo di De Silvestri e Sansone. Migliora anche Skorupski, pronto a tornare in porta dal 1’. Dubbio in mezzo tra Svanberg e Dominguez, davanti torna Barrow dopo il parziale riposo di Marassi.Verona: Ceccherini recupera e gioca in difesa insieme a Gunter e Magnani. In mezzo ancora Ilic al posto di Veloso, conferma in attacco per Kalinic dopo il gol segnato al Crotone.

TORINO-SPEZIA (sabato, ore 18) - Torino: sarà Segre a sostituire lo squalificato Rincon in un centrocampo che vedrà protagonisti anche Lukic e Linetty. Verdi dovrebbe affiancare Belotti, sulle fasce Singo e RodriguezSpezia: la botta alla caviglia rimediata da Nzola con la Samp è più grave del previsto. Il centravanti si ferma per 10 giorni, per sostituirlo più Piccoli di Galabinov. Tamponi negativi per Ricci, Bastoni e Acampora, anche se sarà Italiano a decidere sul loro impiego a Torino e potrebbero essere confermati Agoume e Marchizza.

SAMPDORIA-UDINESE (sabato, ore 20.45) - Sampdoria: con la squalifica di Jankto, via libera a Damsgaard a sinistra con la coppia Keita-Quagliarella in attacco. Non sta benissimo Tonelli, probabile difesa composta da Yoshida e Colley. Panchina per il nuovo arrivato Torregrossa, che ha scelto la maglia numero 9.Udinese: Bonifazi favorito su De Maio in difesa, Arslan su Walace in mezzo al campo. In avanti Gotti pensa all’avanzamento di Pereyra a sostegno di Lasagna, con inserimento di Mandragora a centrocampo.

NAPOLI-FIORENTINA (domenica, ore 12.30) - Napoli: Gattuso ha allenato i suoi alle 12.30, l’orario della partita di domenica con la Fiorentina. Buone nuove per gli azzurri: Mertens ormai lavora completamente in gruppo e dovrebbe accomodarsi in panchina (favorito Petagna) per poi giocare uno spezzone di gara. Recupero record di Manolas, pronto a riprendere il suo posto da titolare accanto a Koulibaly. In mediana fuori Fabian Ruiz causa Covid. Dietro Hysaj prenderà il posto dello squalificato Di Lorenzo.Fiorentina: con Borja Valero non al meglio, Prandelli schiererà Pulgar in mezzo al campo. Il recuperato Ribery potrebbe partire dalla panchina con Castrovilli e Callejon a sostegno di Vlahovic.

CROTONE-BENEVENTO (domenica, ore 15) - Crotone: l’assenza dello squalificato Reca si aggiunge a quelle degli infortunati Benali, Cigarini, Marrone e Molina. In avanti Rivere affianca Messias, Pereira e Rispoli sulle fasce.Benevento: “Dobbiamo essere dei guerrieri”: Pippo Inzaghi usa parole forti per caricare la sua squadra alla vigilia del delicato snodo salvezza di Crotone (“guai a sottovalutarli, i calabresi non meritano la classifica attuale e hanno un grande allenatore come Stroppa”). Il tecnico del Benevento tira un sospiro di sollievo perché l’infermeria si è quasi svuotata. I giallorossi perdono Schiattarella per covid, ma recuperano finalmente Viola, Iago Falque e Caldirola (che ha letteralmente bruciato i tempi del recupero dopo l’operazione al ginocchio), oltre a Caprari e Tuia, tutti assenti con l’Atalanta. Di questi solo il difensore centrale ex Salernitana dovrebbe partire titolare, riprendendosi il posto di centrale al fianco di Glik, tutti gli altri dovrebbero partire dalla panchina. A sostituire Schiattarella come perno del centrocampo sarà Ionita, che ha già sostituito il napoletano contro Parma e Genoa.

SASSUOLO-PARMA (domenica, ore 15) - Sassuolo: dopo l’eliminazione in Coppa Italia, in vista di domenica ballottaggio Traorè-Defrel per la sostituzione di Berardi, mentre in mezzo al campo sarà Magnanelli ad affiancare Locatelli visto il k.o. di Bourabia e la squalifica di Obiang. Toljan, Chiriches, Ferrari e Kyriakopoulos in difesa.Parma: Valenti, Karamoh, Laurini, Gagliolo, Iacoponi, Balogh e Osorio non recuperano, sarà emergenza in difesa con un’inedita linea a tre Busi-Bruno Alves-Pezzella. Torna però Kucka. In attacco Inglese affianca Gervinho.

ATALANTA-GENOA (domenica, ore 18) - Atalanta: Djimsiti si riprende la sua maglia di titolare dopo il riposo di Benevento. Pessina è uscito per infortunio in Coppa Italia col Cagliari. Ballottaggio tra Malinovskyi e Miranchuk se non dovesse recuperare.Genoa: archiviata la sconfitta con la Juve in Coppa, Ballardini dovrebbe riproporre la squadra base a Bergamo. Davanti Shomurodov e Destro. In panchina il nuovo arrivato Strootman, ma non è da escludere che lo si possa vedere già fra i titolari al posto di Badelj. Restano invece a casa Scamacca e Sturaro.

INTER-JUVENTUS (domenica, ore 20.45) - Inter: Sensi ha avuto un affaticamento appena prima della partita con la Fiorentina, ma potrebbe andare in panchina. Per il resto non dovrebbero esserci grosse sorprese, con Hakimi e Young sulle fasce.Juventus: McKennie e Chiesa si sono allenati a parte, però a San Siro ci saranno, con l’ex viola titolare a destra e l’americano leggermente sfavorito nel ballottaggio con Rabiot. Quasi certa, invece, la presenza di Bentancur, uscito anzitempo in Coppa Italia per preservare le energie. Ballottaggio Chiellini-Demiral in difesa (favorito il primo), davanti Morata e Ronaldo. Lesione al collaterale mediale per Rafia, match-winner col Genoa, che si ferma per 15/20 giorni.

CAGLIARI-MILAN (lunedì, ore 20.45) - Cagliari: a centrocampo Marin e Nainggolan, ancora assente per squalifica Nandez. A destra Zappa e più avanti è favorito Pereiro; sulla sinistra spazio per Lykogiannis e Sottil. Davanti Joao Pedro e Simeone.Milan: Se Theo Hernandez partirà dal 1', Calhanoglu non sarà della partita. Al suo posto ecco Diaz. Zlatan Ibrahimovic è pronto al rientro, vista anche la squalifica di Leao. Alle sue spalle tridente completato da Castillejo e Hauge. Niente da fare per Saelemaekers e Bennacer.

SCOPRI ALTRE NEWS SIMILI SU GAZZETTA.IT
 
 
Scelti per te