Scoperta l’origine dell’ipersensibilità ad alcuni suoni
La misofonia è un disturbo che in alcuni soggetti si rivela addirittura invalidante: uno studio ha scoperto come funziona
di Tantasalute | 20 giugno 21, 04:30

Percepire suoni (e rumori) in maniera esasperata, a volte, può essere un disturbo figlio di un’attività cerebrale più intensa della media, che attiva aree diverse che finiscono per distorcere la percezione degli stimoli uditivi. L’ipersensibilità, che diventa intolleranza, a rumori come quelli metallici o addirittura quelli della masticazione e deglutizione è nota come misofonia, e colpisce una percentuale tra il 6 e il 20% della popolazione mondiale.

Un disturbo che può essere invalidante

Uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Neuroscience ha mostrato cosa accade nel corpo di chi soffre di misofonia quando ascolta i rumori incriminati: 75 volontari si sono sottoposti a una scansione cerebrale che ha mostrato come le zone del cervello preposte al controllo motorio del viso siano sollecitate fino ad avere reazioni incontrollate. Per scoprire qual è il meccanismo che origina queste reazioni, clicca sul link in basso.

SCOPRI COME FUNZIONA LA MISOFONIA

 
 
 
Scelti per te