La confessione shock del medico che provò a salvare Lady Diana
Il chirurgo che era di turno in ospedale a Parigi ha voluto raccontare i retroscena di quella notte
di Pourfemme | 21 giugno 21, 04:30

A distanza di quasi ventiquattro anni, MonSef Dahman è uscito allo scoperto. Si tratta del chirurgo che era di turno nel più grande ospedale di Parigi nella notte in cui arrivò Lady Diana Spencer dopo il terribile incidente del Tunnel dell’Alma. Il medico, che ora lavora come chirurgo in Costa Azzurra, ha raccontato al Daily Mail i brividi provati quella notte.

“Provammo a salvarla in tutti i modi”

“Stavo riposando in sala operatoria quando ricevetti una chiamata dell’anestesista di turno che mi diceva di andare al pronto soccorso. Non mi era stato detto che la paziente fosse Lady Diana, ma che c’era stato un grave incidente che coinvolgeva una giovane donna. L’organizzazione dell’ospedale Pitié-Salpêtrière era molto gerarchica. Quindi, quando arrivava una chiamata del genere, significava che il caso era particolarmente serio. Sono arrivato velocemente e poi ho capito la vera gravità delle cose”. Durante l’operazione, il medico scoprì che aveva subito uno strappo al pericardio: “Ci voleva un miracolo”. Per scoprire di cosa parlerà il nuovo film su Lady Diana, clicca sul link in basso.

SCOPRI DI COSA PARLERA’ IL NUOVO FILM SU LADY DIANA

 
 
 
Scelti per te