In arrivo le prime zanzare geneticamente modificate 
L'esperimento ha lo scopo di sopprimere le popolazioni di insetti selvatici, che possono trasportare gravi malattie come Zika, dengue, chikungunya e febbre gialla
di AGI.it | 04 maggio 21, 22:09

AGI - Dopo circa un decennio di lotte per l'approvazione normativa, l'azienda di biotecnologia Oxitec con sede ad Abingdon, nel Regno Unito, ha rilasciato per la prima volta negli Stati Uniti delle zanzare geneticamente modificate.

Descritto sulla rivista Nature, l'esperimento, autorizzato dall'Environmental Protection Agency (EPA), ha lo scopo di sopprimere le popolazioni di zanzare selvatiche Aedes aegypti, che possono trasportare malattie come Zika, dengue, chikungunya e febbre gialla.

Precedentemente testate in Brasile, Panama, Isole Cayman e Malesia, le zanzare non erano mai state rilasciate nel territorio statunitense, anche se in alcune zone dello stato di New York e dell'Arizona l'azienda Oxitec era stata autorizzata a diffondere due specie di falene geneticamente modificate.

“Una scoperta rivoluzionaria viene sempre accolta con una certa titubanza – osserva Anthony James, biologo molecolare specializzato sulle zanzare bioingegnerizzate presso l'Università della California a Irvine – il fatto che l'azienda inglese sia riuscita a ottenere l'autorizzazione per un esperimento così importante è molto significativo”.

Aedes aegypti, spiegano gli esperti, costituisce circa il quattro per cento della popolazione di zanzare nelle Florida Keys, una catena di isole tropicali al largo della punta meridionale dello stato. Questa specie è associata alla gran parte delle malattie trasmesse dagli insetti, secondo il Florida Keys Mosquito Control District (FKMCD), che lavora con la Oxitec al progetto.

I ricercatori hanno rilasciato esemplari maschi bioingegnerizzati per non pungere, in modo da accoppiarsi con la popolazione femminile endemica, e portare un gene in grado di uccidere la progenie femminile nelle prime fasi larvali. Con la morte delle femmine, la popolazione dovrebbe diminuire.

La decisione di intervenire sul flagello delle zanzare nasce nel 2009, quando è stato registrato un aumento significativo delle malattie trasmesse dalle zanzare.

Pochi giorni fa, gli scienziati hanno posizionato uova di zanzare bioingegnerizzate in sei posizioni nelle Florida Keys, le prime larve dovranno nascere entro le prime due settimane di maggio, e circa 12mila esemplari si libereranno ogni settimana per i prossimi tre mesi.

"Gli esemplari geneticamente modificati – dichiara Andrea Leal, direttore esecutivo di FKMCD – rappresentano un'alternativa agli insetticidi, ampiamente utilizzati negli Stati Uniti per controllare le popolazioni di insetti. L'ampia adozione di sostanze insetticide ha portato allo sviluppo di zanzare resistenti alle sostanze chimiche, il che ci ha indotti a valutare l'ipotesi di adottare strumenti innovativi per contrastare le Aedes aegypti”.

Per valutare i progressi della sperimentazione, i ricercatori utilizzeranno i dispositivi di cattura per intrappolare le zanzare e monitorare la durata della vita dei maschi ingegnerizzati e la loro capacità di trasmettere i geni alle popolazioni successive.

“La maggior parte delle preoccupazioni, che hanno contribuito a ritardare l'avvio dell'esperimento – commenta Natalie Kofler, biologa molecolare presso l'Università di Cambridge nonché fondatrice di Editing Nature, un'organizzazione che sostiene lo sviluppo responsabile e la supervisione delle tecnologie di modifica genetica – dipende dall'incertezza legata agli avvenimenti futuri. Speriamo che i dati possano aiutarci a valutare l'impatto delle zanzare sugli ecosistemi delle Florida Keys”. 

 
 
 
Scelti per te