Per Mosca le organizzazioni di Navalny sono "estremiste"
L'affondo della Russia arriva a pochi mesi dalle elezioni legislative ma, soprattutto, a pochi giorni dall'incontro bilaterale del presidente americano Joen Biden con Vladimir Putin a Ginevra
di AGI.it | 10 giugno 21, 05:42

AGI - L'affondo della Russia su Alexei Navalny arriva a pochi mesi dalle elezioni legislative ma, soprattutto a pochi giorni dall'incontro bilaterale del presidente americano Joen Biden con Vladimir Putin a Ginevra. Un tribunale di Mosca ha bollato le organizzazioni politiche del critico del Cremlino incarcerato come "estremiste". Non potranno fare attività in Russia, con un clamoroso ulteriore colpo all'opposizione sostenitrice dell'attivista in carcere.

"Si è scoperto che queste organizzazioni non solo hanno diffuso informazioni che incitavano all'odio e all'inimicizia contro i funzionari del governo, ma hanno anche commesso azioni estremiste", ha detto un portavoce dei pubblici ministeri, Alexei Zhafyarov, fuori dal tribunale. Dichiarazione distribuita ai giornalisti dopo una maratona di 12 ore di sessione tenuta a porte chiuse.

Navalny, 45 anni, incarcerato all'inizio di quest'anno al suo ritorno in Russia dalla Germania, dove si stava riprendendo da un avvelenamento, ha promesso di continuare a combattere nonostante la sentenza.

In un post su Instagram, ha riconosciuto che i suoi sostenitori avrebbero bisogno di cambiare il loro modo di lavorare e li ha esortati ad "adattarsi". "Ma non ci ritireremo dai nostri obiettivi e idee. Questo è il nostro paese e non ne abbiamo altri", ha detto.

I pubblici ministeri ad aprile avevano chiesto che la rete di uffici regionali di Navalny e la sua Fondazione anticorruzione (FBK) venissero colpite con l'etichetta "estremista", affermando che il gruppo stava tramando una rivolta con il sostegno dell'Occidente. Durante l'udienza di ieri, gli avvocati di Fbk hanno dichiarato di aver chiesto che il procedimento fosse reso pubblico e anche che Navalny fosse chiamato a testimoniare, richieste che tra l'altro sono state sommariamente respinte. Hanno detto che avrebbero impugnato la sentenza complessiva entro un periodo di 10 giorni assegnato. "Continueremo a lavorare", ha scritto su Twitter dalla Lituania Leonid Volkov, capo della rete regionale.

La denuncia di Stati Uniti e Gran Bretagna

Intanto Stati Uniti e Gran Bretagna hanno denunciato la sentenza, che arriva una settimana prima che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden incontri il presidente russo Vladimir Putin a Ginevra.

  "Si tratta di un altro attacco kafkiano a coloro che si battono contro la corruzione e a favore di società aperte, ed è un tentativo deliberato di mettere fuori legge in modo efficace la vera opposizione politica in Russia", ha affermato il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab in una nota.

Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price ha definito l'azione "particolarmente inquietante" e ha affermato che fa parte di un modello di restrizione dei diritti fondamentali. "Il signor Navalny stesso rimane in cattive condizioni di salute, imprigionato per motivi politicamente inventati. Chiediamo ancora una volta il suo rilascio immediato e incondizionato", ha detto Price. In vista delle elezioni parlamentari di settembre i legislatori hanno approvato una legge che vieta ai membri e agli sponsor di gruppi “estremisti” di candidarsi alle urne.

La legge firmata da Putin

Il disegno di legge, che è stato firmato in legge da Putin all'inizio di giugno, dovrebbe essere utilizzato contro gli alleati di Navalny nel prossimo voto.

La legge colpisce non solo i membri anziani e gli attivisti della squadra di Navalny, ma potenzialmente decine di migliaia di russi che hanno sostenuto il suo lavoro attraverso donazioni. I leader di tali gruppi non potranno candidarsi alle elezioni parlamentari per cinque anni, mentre i membri e coloro che hanno contribuito a finanziare il loro lavoro non potranno candidarsi per tre anni.

 
 
 
Scelti per te