L'uomo ucciso dall'assessore a Voghera era stato sottoposto a TSO
Il trattamento sarebbe avvenuto tre settimane fa, a quanto apprende l'AGI, da fonti vicine alla famiglia di Youns El Boussetai, il 39enne marocchino ucciso con un colpo di pistola dall'assessore alla Sicurezza Massimo Adriatici. L'avvocato della famiglia: non ci hanno avvisato dell'autopsia. 
di AGI.it | 22 luglio 21, 08:31

AGI -  Youns El Boussetai, il 39enne marocchino ucciso con un colpo di pistola dall'Assessore alla Sicurezza Massimo Adriatici sarebbe stato sottoposto a un Tso (trattamento sanitario obbligatorio) tre settimane fa.

Lo apprende l'AGI da fonti vicine alla famiglia. I problemi psichici di cui l'uomo soffriva si erano acuiti in seguito al lockdown. El Boussetai aveva contatti frequenti coi suoi familiari, tutti cittadini italiani, che vivevano in altre città. Il padre a Vercelli, la sorella, che ieri sera è arrivata a Voghera, in Francia, un altro fratello in Svizzera. La moglie e i due figli vivono in Marocco.

Ai familiari El Boussetai, che aveva manifestato problemi psichici negli ultimi mesi, aveva detto che si sentiva 'a casa' in piazza Meardo, a Voghera, dove è morto. Qui, diceva ai congiunti, aveva la 'sua panchina' e i suoi punti di riferimento ed era conosciuto da tutti. 

Sul fronte delle indagini, giovedì 22 luglio è prevista la richiesta di convalida della Procura di Pavia dell'arresto di Adriatici, accusato di 'eccesso colposo di legittima difesa'. Che potrebbe però non essere accompagnata anche dalla richiesta di convalida della misura cautelare dei domiciliari. Questo significa che i pm potrebbero dare l'ok per il ritorno alla libertà dell'uomo, parere non vincolante per il gip che sarà chiamata a decidere dopo avere sentito Adriatici. Il nuovo interrogatorio, dopo il primo subito dopo il fatto, dovrebbe essere fissato per venerdì 23 luglio. 

L'avvocato Debora Piazza, che assiste padre, fratello e sorella del 39enne di origine marocchina, ha affermato che "l'autopsia di Youns El Boussetaoui è stata effettuata senza avvisare, come sarebbe dovuto avvenire, i suoi familiari, tutti cittadini italiani e con una residenza".

 
 
 
Scelti per te