Sterzo Audi: high-tech a portata di mani
Nuova generazione di volanti: superfici touch, comandi swipe e riconoscimento capacitivo della presa.
di MOTORCUBE | 14 maggio 21, 11:00

Interfaccia per eccellenza tra uomo e vettura, dagli albori dell’automobilismo ad oggi lo sterzo ha beneficiato di un’evoluzione tecnica costante. Dalla definizione del design e dei comandi al volante sino all’integrazione con i sistemi di assistenza al conducente, passando per la disponibilità in gamma di cinque diverse configurazioni tecniche, lo sterzo Audi abbina comfort, sportività e sicurezza.

Lo sterzo è un componente determinante nella definizione del carattere delle vetture dei quattro anelli. Reattività e maneggevolezza sono le parole chiave in manovra, frangente nel quale l’impegno fisico è ridotto al minimo, così come nella guida più dinamica, quando vengono richieste all’auto elevate performance tanto in rettilineo, dove la stabilità e il rigore direzionale sono cruciali, quanto in curva. Proprio nelle fasi di percorrenza, la precisione dello sterzo costituisce la base del feeling tra vettura e conducente. Un obiettivo, quest’ultimo, cui contribuiscono i sensori deputati a rilevare in tempo reale l’angolazione del volante armonizzandovi servoassistenza e demoltiplicazione.

Sterzo Audi

La taratura dello sterzo è influenzata da tre dimensioni del moto: la dinamica longitudinale, la dinamica trasversale e la dinamica verticale. All'accelerazione e alla decelerazione dell’auto si sommano le forze laterali originate in curva e i movimenti del corpo vettura legati alla compressione e all’estensione delle sospensioni. L’obiettivo principale degli ingegneri Audi consiste nell’ottenere una risposta nitida e prevedibile indipendentemente dalle forze che agiscono sull’assale anteriore, garantendo al contempo stabilità, handling e trazione oltre al corretto assorbimento delle imperfezioni dell’asfalto. Uno sterzo bilanciato ha reazioni lineari in ogni frangente e comunica al guidatore l’avvicinarsi dei limiti della fisica. Limiti oltre i quali si manifestano fenomeni quali il sottosterzo o il sovrasterzo.

In funzione delle dimensioni, delle performance e della vocazione di ogni auto, Audi conferisce allo sterzo una caratterizzazione specifica. Muovendosi all’interno di un ventaglio di regolazioni, gli ingegneri dei quattro anelli adattano il setup da vettura a vettura, come un abito d’alta sartoria, tenendo conto delle diverse motorizzazioni e configurazioni di carrozzeria. I modelli sportivi delle gamme S ed RS, ad esempio, beneficiano di una reattività di riferimento, mentre SUV e Avant godono di un calibrato bilanciamento tra stabilità, comfort e sportività. Le possibilità di personalizzazione sono ulteriormente rafforzate dal sistema di gestione della dinamica Audi drive select che permette di armonizzare la taratura dello sterzo allo stile di guida e al programma di marcia selezionato.

Dall’acciaio ai comandi touch: l'evoluzione del volante Audi

Sterzo Audi

La corona del volante è molto di più di un semplice strumento per cambiare direzione: è piuttosto l’interfaccia per eccellenza tra uomo e macchina. Oggi, grazie ai comandi multifunzione, sono gestibili molteplici funzioni nell’ambito della comunicazione, dell’infotainment e delle opzioni comfort. Nel tempo, i volanti sono divenuti delle vere e proprie centrali di comando con caratteristiche peculiari quali il look sportivo, l'ergonomia, l’intuitività e l'elevata funzionalità.

Sterzo Audi

Da oltre 120 anni il volante recita un ruolo determinante. In origine erano previsti una rudimentale manovella o un manubrio mediante i quali il conducente determinava la direzione del veicolo. Una soluzione tutt’altro che intuitiva. Successivamente, l'ingegnere francese Alfred Vacheron sviluppò un'alternativa tecnica in grado di ottimizzare il controllo della vettura mediante la sterzata delle ruote anteriori. Il sistema prevedeva un comando circolare, da ruotare mediante la sola forza delle braccia. Nasceva così il primo volante, destinato a divenire lo standard universalmente condiviso.

Una nuova generazione di volanti: comandi touch e look futuristico per Audi Q4 e-tron

Sterzo Audi

La massima espressione dell’evoluzione dei volanti Audi è rappresentata dallo sterzo dei SUV compatti elettrici Audi Q4 e-tron e Audi Q4 Sportback e-tron, in grado d’integrare sino a 18 funzioni gestibili mediante superfici touch dal look black panel. Le aree funzionali in corrispondenza delle razze superiori sono retroilluminate, così da favorire l’individuazione dei comandi attivi, mentre il logo dei quattro anelli è caratterizzato dal design bidimensionale. Un'ulteriore innovazione è rappresentata dalla corona, per la prima volta “tagliata” nella sezione sia inferiore sia superiore. Un dettaglio che conferisce all'abitacolo un aspetto futuristico e, al contempo, favorisce l’accessibilità alla vettura. Il disassamento di 7,5 mm in verticale del volante rispetto al mozzo favorisce la percezione visiva dei comandi.

Sterzo Audi

Lievi sporgenze delimitano i comandi touch. Toccando le superfici, il sistema non reagisce immediatamente. È necessaria una leggera pressione perché venga registrato l’input e restituito un feedback tattile e acustico. La tecnologia applicata è condivisa con la console MMI touch response, dedicata alla gamma high-end dei quattro anelli: all'attivazione del comando si percepisce un clic meccanico che permette al conducente di orientarsi intuitivamente. La Casa dei quattro anelli integra nel volante della gamma Audi Q4 e-tron un’ulteriore tecnologia diffusa nel settore dell’elettronica di consumo, in primis per smartphone e tablet, abbinando al sistema touch i movimenti swipe, ad esempio per scorrere attraverso i menu.

Cinque sistemi sterzanti Audi: interasse virtuale grazie alla configurazione integrale

Sterzo Audi

Attualmente, cinque diversi sistemi sterzanti Audi concorrono a garantire agilità, comfort e sicurezza per tutte le vetture dei quattro anelli. Lo sterzo elettromeccanico a servoassistenza variabile in funzione della velocità non prevede ausili idraulici, a vantaggio dell’efficienza, e al contempo garantisce una perfetta interazione con i moderni sistemi di assistenza alla guida. La servoassistenza elettrica muta proporzionalmente all’andatura dell’auto, risultando più accentuata in manovra, favorendo il comfort, e meno invasiva alle velocità autostradali. La variante progressiva dello sterzo elettromeccanico costituisce il sistema più diffuso all’interno della gamma Audi. Alla servoassistenza variabile in funzione della velocità aggiunge l’adattamento della demoltiplicazione in base all’angolo di sterzata. Lo sterzo, in virtù della specifica configurazione dei denti di pignone e cremagliera, è più diretto in manovra e nelle svolte strette, così da favorire la reattività della vettura quando il guidatore agisce con marcate rotazioni del volante, risultando più demoltiplicato al crescere del raggio di curva, a vantaggio del feeling e del rigore direzionale qualora il conducente intervenga con minime azioni al volante.

Sterzo Audi

Lo sterzo dinamico costituisce una variante del sistema a servoassistenza e demoltiplicazione variabili, in grado di adattare al 100% il rapporto di trasmissione in funzione della velocità dell’auto, dell’angolo di sterzata e del programma di guida selezionato mediante il sistema di gestione della dinamica di marcia Audi drive select. Un obiettivo reso possibile dall’adozione di un riduttore harmonic drive: un ingranaggio simile a un rotismo epicicloidale, in sovrapposizione al classico piantone e gestito elettricamente, armonizza permanentemente il rapporto di sterzo alle condizioni di marcia e allo stile di guida, aggiungendo o sottraendo un delta angolo di sterzo a favore della sportività o del comfort.

Sterzo Audi

A ridotta andatura, ad esempio nel traffico, nel misto stretto o in manovra, le reazioni sono immediate: per arrivare da fine corsa a fine corsa sono sufficienti due giri di volante. La servoassistenza, al contempo, è marcata. Nel misto veloce, diversamente, si attenuano tanto la servoassistenza quanto la reattività, mentre in autostrada e a massima velocità entra in gioco un rapporto di trasmissione ulteriormente demoltiplicato, a vantaggio dell’annullamento delle sollecitazioni al volante e del massimo rigore direzionale. La precisione e l’ampiezza della gamma di regolazioni sono superiori allo sterzo elettromeccanico progressivo.

La massima espressione della tecnologia Audi in materia di sistemi di sterzo è rappresentata dalla combinazione dello sterzo dinamico e della sterzatura integrale. Disponibile per i modelli delle gamme Audi A6, Audi A7 Sportback e Audi A8, lo sterzo integrale dinamico coniuga una risposta eccezionalmente sportiva e diretta a una stabilità di riferimento.

 
 
 
Scelti per te