Omicidio Gratton: stop indagini sul Dna
Armi del delitto furono eliminate su disposizione del tribunale
di ANSA | 27 ottobre 20, 19:37
(ANSA) - FIRENZE, 27 OTT - A 24 anni dalla morte svanisce l'ultima speranza di trovare un colpevole per l'omicidio di Guido Gratton, l'ex calciatore della Fiorentina e della Nazionale deceduto il 26 novembre 1996 dopo un'aggressione di cui rimase vittima nella sua casa di Bagno a Ripoli (Firenze). Secondo quanto appreso, la procura di Firenze aveva chiesto di riesaminare gli oggetti usati come armi del delitto - una racchetta da tennis, una sedia e un bastone - per cercare nuovamente, dopo i tentativi dell'epoca non andati a buon fine, di estrapolare tracce di Dna grazie alle attuali tecnologie oggi disponibili. Da qui la scoperta che tutti i reperti relativi al caso erano stati distrutti già nel 2008 su disposizione del gip di Firenze. Secondo quanto emerso i reperti furono distrutti per motivi di spazio come avviene periodicamente a seguito di una richiesta dell'ufficio corpi di reato che venne approvata dal gip. Nessuna possibilità dunque di aprire nuove indagini come il pm Luca Turco aveva chiesto di fare potendo riesaminare gli oggetti. La speranza era che le attuali tecniche di polizia scientifica consentissero di estrapolare il Dna. (ANSA).
 
Scelti per te
Omicidio Gratton: stop indagini sul Dna
NEWS
Tiepolo alle gallerie d'Italia a Milano
NEWS
Sanità: parto in ingresso pronto soccorso ospedale Vittoria
NEWS
Uomo trovato morto, prende corpo ipotesi suicidio
NEWS
>ANSA-IL-PUNTO/COVID: Veneto,in 7 giorni raddoppiati contagi
NEWS
Covid: nuovo record contagi e vittime,+127 terapie intensiva
NEWS
Roma: Raggi, partita riqualificazione aree verdi Colosseo
NEWS
>ANSA-IL PUNTO/COVID: in Fvg calo deciso dei nuovi positivi
NEWS
Obama a Trump, 'Yes we can, la pandemia si può controllare'
NEWS
©Wind Tre S.p.A. - Partita IVA: 13378520152

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di terze parti per abilitare alcune funzionalità di mini self care, se utente WINDTRE, analizzare il traffico e proporre contenuti più rilevanti per te. Per ulteriori informazioni accedi all’informativa privacy. Chiudendo questo banner o cliccando su "Accetta" acconsenti all’uso dei cookie.